passa al contenuto della pagina  

ACER
azienda casa emilia-romagna
provincia di bologna

Ospitalità temporanea

Ufficio competente: Servizi Gestione Immobiliare- Gestione Unità Residenziali

L'assegnatario che desidera ospitare persone nel proprio alloggio o abbia necessità di avvalersi di assistenti familiari per accudire le persone gravemente malate, deve comunicarlo per iscritto ad Acer Bologna.

La segnalazione può avvenire tramite lettera o utilizzando i moduli di Comunicazione di avvio di ospitalità temporanea di terze persone o Comunicazione di avvio di ospitalità temporanea per assistenza. Gli stessi moduli sono disponibili anche presso l'Urp e presso l'Ufficio gestione unità residenziali.

L'assegnatario dovrà comunicare i dati anagrafici dell'ospite o dell’assistente familiare allegando, ove questi sia un cittadino extracomunitario, copia del permesso del soggiorno. In caso di assistente familiare dovrà essere allegata anche la copia della denuncia Inail comprovante la regolarità del contratto di lavoro.

La durata massima dell'ospitalità varia a seconda del Regolamento comunale e non comporta in nessun caso, né la modifica della composizione del nucleo avente diritto, né costituisce riconoscimento di alcuna aspettativa o diritto al subentro nel rapporto di assegnazione.

Per l'ospitalità temporanea, tranne il caso di assistenza, è dovuto il pagamento di una indennità prevista dal Regolamento comunale dei Comuni di: Bologna, Anzola dell'Emilia, Baricella, Budrio, Calderara di Reno, Camugnano, Casalecchio, Castel d'Aiano, Castel S. Pietro Terme, Castelguelfo, Castenaso, Castiglione dei Pepoli, Dozza, Gaggio Montano, Granaglione, Granarolo dell'Emilia, Loiano, Medicina, Molinella, Monghidoro, Monterenzio, Monzuno, Mordano, Pianoro e Sant'Agata Bolognese.

La decorrenza dell'indennità e la relativa entità sono definite nel Regolamento stesso, consultabile presso l'Ufficio gestione unità residenziali.