passa al contenuto della pagina  

ACER
azienda casa emilia-romagna
provincia di bologna
 

La nuova legge urbanistica regionale illustrata al personale Acer in un incontro formativo

 

 

Tutela del territorio, rispetto per l’ambiente, crescita intelligente e attenzione alla legalità, semplificazione e uniformità delle pratiche edilizie nei comuni della regione, attenzione allo sviluppo delle imprese. Sono questi gli obiettivi della nuova legge urbanistica regionale operativa dallo scorso 1° gennaio, che prevede un periodo transitorio di tre anni, illustrati al personale di Acer Bologna, Acer Promos e Acer Servizi in un incontro formativo tenuto dal dottor Giovanni Santangelo, responsabile del servizio Affari generali, giuridici e programmazione finanziaria della Regione Emilia-Romagna.

Il dirigente regionale ha illustrato il contesto a cui si applica la nuova normativa e le sue principali linee interpretative e di applicazione. Scopo della legge è abbattere del 60% le attuali previsioni urbanistiche passando, secondo le stime, dai 250 km quadrati di espansione previsti dagli attuali strumenti urbanistici a un massimo di 70 km quadrati e introdurre il principio del consumo di suolo a saldo zero, anticipando quanto fissato per il 2050 dal settimo Programma di azione ambientale dell’Unione europea.

Sul fronte della semplificazione amministrativa, la legge impone un unico piano per ogni livello territoriale per superare il sistema della “pianificazione a cascata” attribuendo più precise competenze a ogni ente e prevedendo un unico piano generale per ogni livello territoriale. Infine, per promuovere la partecipazione dei cittadini alle scelte urbanistiche dei Comuni, vengono incentivati concorsi di architettura e incontri pubblici, mentre per aumentare la trasparenza e la legalità dei progetti urbanistici ed evitare infiltrazioni mafiose o corruttive, la legge impone le informazioni antimafia per i soggetti privati che propongono progetti urbanistici e recepisce le disposizioni dell’Autorità nazionale anticorruzione e le norme contro i conflitti di interesse.